mercoledì 9 marzo 2016

-Un nuovo "La mia"-

-La mia (non completa!) su Life Zero il primo e il secondo numero-


Conosco bene lo stile Bonelliano di Vietti, ho letto molte sue storie e le trovo (quelle che ho letto!) a dir poco grandiose (Dragonero a mio avviso è uno dei fumetti più belli, sia per storie che per disegni [e domani esce il nuovo numero!] che la Bonelli ha sfornato negli ultimi vent’anni!), poi leggo il secondo numero (targato Panini!) di Life Zero, se non ricordo male avevo già scritto sul primo numero; lo devo ammettere, mi aspettavo il solito numero due di transizione per ciò che poteva accadere più avanti, ciò che succede in Walking Dead, non è così, no, ma per niente!
Ok, prima di parlare della storia vorrei spendere due parole sui disegni che a mio avviso sono perfetti per la storia che si sta narrando, un tratto pulito, bello, che può piacere o no ma io lo amo, nessuna sbavatura o altro, diciamo che il buon Vietti sa scegliere molto ma molto bene i disegnatori che disegneranno le sue storie!
La storia, come ho precedentemente scritto mi aspettavo una numero di transizione e invece no, ma NO grosso come un palazzo di tremila piani, fin dalla prima pagina Vietti ci catapulta nell’azione, e non con calma e patos ma come un calcio sui denti,  fa partire l’albo con una carica estrema e la carica non la perde per nessuna pagina dell’albo, non vorrei fare spoiler, lo letto ieri pomeriggio, diciamo subito che chi si è abituato ad un Vietti calmo, tranquillo, un Vietti che ama la narrazione un po’ lento e il fantasy con Life Zero si deve ricredere, qui di calma non c’è né, ma proprio neanche una briciola!
Vietti è riuscito in un’impresa titanica, ha cambiato completamente il suo modo “bonelliano” di scrivere, ha immerso le mani nel dolore e nel sangue, in una manciata di pagine (è pubblicato come un albo americano e non bonelliano!) ha dare una lezione importante a molti sceneggiatori, ha scardinato completamente lo stile zombie, (si vorrei fare spoiler ma non li farò giuro!) una storia così veloce e così cattiva non mi capitava da leggerla dal fu Splatter (la prima serie non la seconda che era un po’ in ritardo con i tempi!) e non per i temi trattati, occhio ma per la scrittura in sé, è dinamico veloce, non lascia nulla al caso, ti abitui a vedere un determinato personaggio e pum, non c’è più con una maestria non facile da ottenere!
Il secondo numero di Life Zero va comprato e letto attentamente, specialmente a chi si vuole imbarcare nel faticoso lavoro della sceneggiatura, è scritto divinamente, disegnato benissimo, e soprattutto ha un formato americano (odio i fumetti indipendenti e non che devono pubblicare per forza di cose con il formato Bonelliano!), che dire d’altro?

Se non lo comprate… avete perso una vera e propria perla del fumetto italiano! 

Nessun commento:

Posta un commento

-130-

E siamo a centotrenta Cimici, wow, ok, basta farsi pugnette a due mani e buona lettura! ·          Di Maio vuole i vari osservatori del...