lunedì 25 giugno 2012


-Perduto-


Il respiro si ferma per pochi secondi per poi riprendere il suo normale funzionamento gli occhi s'appannano non vedo bene non che prima vedessi meglio ma ora i colori e le forme sono quasi delle macchie senza forme non sento nulla c'è un silenzio irreale in queste quattro mure ho la gola secca e la lingua gonfia mi fanno male i denti e la testa pulsa come se avessi un martello pneumatico che batte a intervalli regolari ciocche di capelli per terra starò diventando pelato si domanda il mio cervello non m'interessa poi più di tanto visto che la mia vita sociale è finita anni fa e mi va bene così non ho molta voglia di vedere altre persone o conoscere gente non mi è mai interessato molto preferisco farmi i cazzi miei da solo e lo sto facendo da parecchio tempo incontro solo una persona e la vedo a intervalli regolari sempre se ho soldi se non li ho sono cazzi e allora devo procurarmeli e a volte ci riesco a volte no ma per la maggior parte delle volte riesco a tirare su qualche soldo anche perché nella zona dove vivo non è difficile tirare su grano basta essere la persona giusta nel momento giusto e voler fare ciò che ti richiedono il gioco e fatto una quindicina di minuti e ho un po' di soldi in tasca più facile di così si muore ai primi tempi ero restio ma poi con il passare del tempo ci si fa l'abitudine non ho paura delle malattie in questa zona nessuno ha di questi problemi al massimo è il mettere il pranzo con la cena e arrivare a metà mese io non ho questi problemi o maglio ho solo un problema ma riesco quasi sempre a risolverlo con un po' di grano dato alla persona giusta e il problema sparisce mi viene da vomitare e lo faccio m'inzacchero la canottiera che una volta era bianca e che ora ha un colore indefinito tra il grigio e il nero ci sono macchie che non so come ci siano arrivati mi gratto il braccio e involontariamente mi strappo una crosticina e il sangue comincia a uscire e ne esce molto ma non m'interessa se sanguino vuol dire che sono vivo o almeno è questo che mi dicevano anni fa o erano secoli fa la memoria mi gioca brutti scherzi riesco a malapena a ricordarmi la faccia dei miei cazzo non li vedo da un'eternità all'inizio avevano avuto la brillante idea di cercarmi ma poi credo che abbiano gettato la spugna nessuno sano di mente vorrebbe avere un figlio come me un'altra cosa che non mi ricordo è la mia età ho diviso la mia vita in due epoche il prima e il dopo il prima ero uno studente modello perfettino sempre curato con ottimi voti a scuola e il dopo ovvero in questo monolocale senza cesso ma con un fornello a gas che non ho mai usato e una lampadina appesa al soffitto che illumina debolmente questo squallore ma in questo squallore ci vivo e ci sopravvivo come fanno in molti da questa parte qui non si trovano i figli di papà o meglio alcuni ci sono ma solo di notte e vengono a cercare sempre qualcosa e trovano sempre ciò che cercano e ovviamente nessuno sa i vizi dei loro figli impomatati e fighi ma se questa zona potesse parlare sai quante teste cadrebbero uff una moltitudine vomito ancora e ancora e il sangue continua a uscire dal buchino che si è formato quando si è staccata la crosticina guardo il mio sangue ed è affascinante anche perché non smette di uscire non m'interessa morirò qui pace sopravviverò pace non ho mai pensato al futuro e mai lo farò riesco solo a immaginare cosa farò tra due secondi so che troverò un po' di pace ed è l'unica cosa che ora come ora voglio per me...    

2 commenti:

-130-

E siamo a centotrenta Cimici, wow, ok, basta farsi pugnette a due mani e buona lettura! ·          Di Maio vuole i vari osservatori del...