lunedì 13 febbraio 2012


-Guaio-


Ciò che è successo a me non è così raro facendo il mio lavoro, qualche incidente può sempre capitare, ovviamente nel mio lavoro non esistono incidenti banali esistono solo incidenti mortali e incidenti dove qualche arto viene mutilato, a me in fin dei conti è andata anche bene ho perso solo due dita, di solito ridendo, dico che mi è andata bene potevo perderci una mano, non sono arrabbiato tanto per la perdita della dita, tanto ciò che potevo fare con cinque lo posso fare benissimo con tre, io ero di questa opinione, la falegnameria dove lavoravo non era molto d'accordo, mi hanno messo alla porta on quattro spiccioli, la loro motivazione è stata che la colpa della mia perdita è solo mia, dovevo stare più attento e altre cose del genere, certo, una parte di colpa è mia ma se i capi settavano meglio la sega magari le mie due dita potevo salvarle, si perché nelle macchine settate bene la sega taglia solo il legno e se sente qualcosa di diverso dal legno si fermano automaticamente!
Dopo le dita e il lavoro mi sono buttato giù, non sapevo come sbarcare il lunario e più passavano i giorni e più mi deprimevo e più mi deprimevo e più rendevo la vi9ta dei miei famigliari un inferno, stranamente non ho mai affogato le mie disperazioni nell'alcol, comunque stavo dicendo che nonostante tutto la mia famiglia mi è rimasta vicina e lo è ancora che finalmente dopo due anni ho trovato un nuovo lavoro, ora imbusto la spesa in un grande supermercato, so che non è un lavoro di un certo spessore ma almeno faccio qualcosa e tengo la mente occupata per quelle dodici ore di lavoro, certo la paga è un settimo di quanto prendevo come taglialegna ma almeno è qualcosa...   

2 commenti:

  1. E' un guaio sì!
    Scrivi sempre benissimo!

    Grazie per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina

-130-

E siamo a centotrenta Cimici, wow, ok, basta farsi pugnette a due mani e buona lettura! ·          Di Maio vuole i vari osservatori del...