lunedì 7 maggio 2012


-Una sera-


Le immagini scorrono sullo schermo, so che ci sono ma non le vedo, guardo lo schermo e so che da qualche parte del mio cervello sto immagazzinando le immagine che vedo, magari domani mattina potrei raccontarle al mondo intero ma ora, in questo preciso istante non so bene cosa sto guardando, è una serie anni settanta di questo ne sono sicuro riconosco la pellicola finta per gli interni e fin troppo sgranata per gli esterni, ma ora non saprei raccontare la storia, ho la testa da un'altra parte, forse non dovevo incominciare a guardare qualcosa questa sera (ormai è mezzanotte e sono due ore che guardo lo schermo senza capire cosa sto effettivamente guardando!), forse dovevo andare a dormire subito ma non ho sonno e nonostante io sia in piedi dalle cinque di questa mattina non ho sonno, non ho sbadigliato neanche una volta e intanto guardo uno schermo retroilluminato (non vorrei diventare cieco!), vorrei scrivere ciò che penso ma so che uscirebbe un pastrocchio senza senso, senza punteggiatura e con errori ortografici degni di un bambino di prima elementare (non me le ricordo neanche più le elementari per quanto tempo è passato!), quindi guardo qualcosa sullo schermo e penso ai fatti miei, domani magari scriverò su questo senso d'apatia totalitaristica che mi ha preso da un paio d'ore ormai, l'orologio in basso a destro mi indica che sono l'una e venti di notte, ovvero sono qua da tre ore buone e nonostante tutto i miei pensieri sono lucidamente confusi nel mio cervello, le domande s'accavallano con le risposte delle domande precedenti, sembro uno fatto di cocaina però non ho mai sniffato nulla in vita mia, sta salendo la temperatura e il pensiero d'andare a letto non mi sfiora neanche l'anticamera del cervello ma devo andare a dormire e quindi mi decido, spengo tutto e mi metto sotto le coperte, errore madornale, quando penso troppo (e purtroppo penso sempre troppo!) il sonno non arriva e rimango dunque altre due ore a guardare il soffitto e a rigirarmi nel letto aspettando il sonno, non arriva e quindi continuo a pensare, un po' come un serpente che si mangia la coda, penso e penso ancora aspettando l'indomani... 

2 commenti:

-130-

E siamo a centotrenta Cimici, wow, ok, basta farsi pugnette a due mani e buona lettura! ·          Di Maio vuole i vari osservatori del...