mercoledì 2 maggio 2012


-Il suicidio del sistema Vol. 3 14 “A giudizio”-


La cosa mi puzza!
Ammetto d'essere leggermente paranoico, non dico di no ma da due anni a questa parte mi sembra d'assistere a una mani pulite due, andiamo per ordine, il primo partito colpito è stato Futuro e libertà con la faccenda spinosa della casa di Montecarlo data al cognato di Fini poi è toccato al PDL con la faccenda della P4 e con i svariati problemi giudiziari di Big S. (uno su tutti la faccenda Ruby!), il SEL di Vendola si è visto guardare in casa con la faccenda della sanità in Puglia (si parla di tangenti e quant'altro!) sempre per rimanere a sinistra il PD ha avuto le sue grane prima con Pennati e poi con Lusi il primo viene accusato di aver preso tangenti e di aver comprato azioni gonfiate il secondo di aver fatto sparire milioni e milioni di euro, per concludere cronologicamente è toccato alla Lega o meglio al “circolo magico” di Bossi e della sua famiglia che viene accusata di aver sperperato soldi pubblici per i propri fini, non so perché ma credo che a breve toccherà anche alla creatura di Di Pietro forse sbaglio ma non credo, il fatto che mi fa puzzare tutta questa cosa però è un'altro, a chi favorisce la scomparsa dei partiti?
Chi trae giovamento da tutto questo? Se si sente a destra sicuramente accuseranno di un golpe ordito dai giudici (che sono tutti comunisti!) se si sente a sinistra la colpa è della destra perché ha paura di una vittoria delle sinistre (cosa improbabile guardando come sono messi!), sicuramente questa eliminazione andrà a favore del anti politica che sta aumentando sempre di più, in uno stato democratico ci deve però essere almeno due partiti (uno di governo e l'altro d'opposizione!) se no è una dittatura.
Sicuramente i problemi dei partiti nasce in primis dentro ai partiti (lo chiamano aria di rinnovamento!) perché la vedo dura che un giudice di punto in bianco va a controllare i fondi e le casse dei partiti, i giudici possono muoversi solamente dopo una denuncia e non prima, quindi sono propenso a pensare che i primi nemici dei partiti siano proprio i partiti stessi o meglio chi compone i partiti, nel PDL i guai giudiziari di Big S. hanno portato alla ribalta Alfano, nella Lega Maroni, nel PD non si sa bene chi potrà prendere il posto di Bersani spero in Renzi ma è troppo in vista e troppo odiato dagli altri del PD, forse la Bindi ma non saprei proprio, nel SEL non c'è questo problema perché tutti i componenti sono vassalli di Vendola quindi non credo che qualcuno possa fare le scarpe al governatore della Puglia.
Dopo questa bufera la frase che sento di più dai politici è questa :”Bisogna rinnovarsi!”, benissimo ma con chi?
Con quali programmi di governo?
Non credo che cambiando il nome a un partito si possa cambiare veramente, ci vorrebbe una tabula rasa di tutti i vertici e forse da lì si potrà rinnovare qualcosa, non è fondando una lega (dalle ceneri del PDL a sentire Alfano!) che le cose possono veramente cambiare perché purtroppo nei partiti italiani ci sono troppi galli e troppo poche galline...  

Nessun commento:

Posta un commento

-121-

Centoventuno episodi e non sentirli, buona lettura! ·          Tensione tra U.S.A. e Nord Corea… due imbecilli che se la bullano! ·  ...