mercoledì 3 agosto 2016

-Ecco perché non voterò mai il circo a cinque stelle-

Di base odio parlare di politica, lo odio perché è una materia grigia e trovo che sia alquanto inutile parlarne, visto e considerato che non voto e che reputo la politica altamente noiosa (calcolando i tempi biblici del decidere se fare una cosa o non farla delle nostre camere!) ma poi è apparso il comico che non ridere e il suo circo, allora sì che mi sono interessato!
Torniamo alle origini, il comico che non fa ridere fa spettacoli propagandistici per far sapere all’italiota medio che l’hotel a cui aderisce è diverso, è una cosa nuova, una cosa mai vista in Italia (lo aveva detto anche un’altra persona negli anni venti!), l’hotel non è ancora vivo e vegeto ma è un’idea ed ecco che arriva il cumpabellabro del comico, un esperto della rete che scrive romanzetti di serie Z di fantapolitica (e lo scrivere di fantapolitica bisogna basarsi sulla politica reale e creare scenari che dalla politica reale si crei una struttura letterale che potrebbe avvenire…. Ecco il cumpabellabro del comico che non fa ridere non ha sottostato a questa legge letterale che tutti rispettano, in fin dei conti è un rivoluzionario e fondatore di un hotel moderno ed efficace, anche se i soldi se l’intascava lui e le sue aziende!), il connubio è creato, il comico che non fa ridere fa una propaganda senza limiti, i vaffa day e quant’altro, il comico che non fa ridere crede (forse!) ingenuamente che prendendo persone che fanno dei lavori veri (e qui la prima incongruenza, i lavori normali a sentire l’hotel sono il panettiere, l’operai e quant’altro quanto il comico che non fa ridere non fa questi lavori ma che anzi ha provocato la morte a delle persone per la sua voglia di andare in strade non percorribili, che ha soldi che gli escano anche dall’orifizio che sta dietro!), molti italioti credono nel verbo del comico che non fa ridere, e non solo i vari italioti ma anche i vari “V.I.P.” che credono che internet sia una specie di cosa virtuale piena solo di verità!
L’hotel cresce e molto, ci sono i primi sindaci e dopo varie diatribe diventano il primo partito (che partito non è perché non ha una sua costituzione interna ne le sue regole e leggi ne tantomeno un’idea politica chiara!) alla camera, l’hotel cinque stelle ha conquistato l’italiota!
C’è un primo governo fatto da Letta, cade dopo poco tempo e qui i vari “cittadini” del circo credono che il presidente della repubblica dia a loro l’incarico di formare un nuovo governo (e qui voglio dirlo cari beoti, il primo ministro, il presidente della camera e del senato non si vota [dopo il fascismo, quindi magari farvi una rilettura della costituzione non farebbe male!] ma è il presidente della repubblica che vedendo il partito di maggioranza decide a chi dare i vari incarichi, non è il popolo, il popolo decide solamente quale partito dovrà governare e quale no!) e invece il presidente della repubblica lo da al neo eletto presidente del PD, apriti o cielo, ma come? E invece è proprio così, Renzi crea un governo di larghe maggioranze che prende anche uno sparuto di ministri di destra, ed è qui che parte il delirio!
Facciamo un passo indietro, di una ventina d’anni, il comico che non fa ridere (e non solo lui!) per un decennio consideravano Big S. come il male assoluto, colui che avrebbe portato al baratro l’Italia, il satanista che avrebbe aperto le porte dell’inferno e quant’altro, bene, ora Big S. conta come il re di picche a briscole, ovvero nulla!
Torniamo nel presente, il circo a cinque stelle capeggiato da Di Battista (che il padre si vanta in diretta nazionale di essere un fascista convinto!), la Taverna (che è buona solo a fare monologhi senza senso e di parlare di ciò che vuole urlando le sue ragioni che non hanno ne capo ne coda!) Di Maio (che s’inventa interviste a carabinieri e a forze dell’ordine per avvalorare la sua idea che ha di lui, ovvero, non valgo nulla ma voglio valere qualcosa ma non valgo nulla!), questi tre individui fanno battaglia, e la fanno fura, in camera e in senato, ma le loro battaglie sono serie?
Una delle prime battaglie portate in aula è stata “Cosa fa il governo sulle scie chimiche!”!
Poi seguiranno il redito sociale a tutti, cosa non fattibile in Italia visto che la maggioranza delle persone che dichiarano di non guadagnare hanno un lavoro in nero, quindi sarebbe come legalizzare il lavoro in nero!
Un’altra epica battaglia è stata sulle lobby farmaceutiche, secondo loro in Italia esiste una lobby che non vuole far curare i malati, e che sono proprio i malati (magari terminali!) a creare una lobby, di base una lobby fa i propri interessi, ora vorrei dire al caro Di Maio come andrebbe a beneficio ad un malato terminale di cancro crearsi una lobby se poi deve morire? Ah è vero c’è sempre la cura del limone e del bicarbonato!  
Ma il delirio puro lo ha raggiunto il Di Battista che parla solo e unicamente per masturbarsi sentendo la sua voce, il caso è assurdo, succede che c’è una strage d’immigranti nel mediteranno e ovviamente il presidente del Senato vuole fare un minuto di silenzio per i morti, ma il Di Battista (già con la minchia barzottata!) non ci sta e vuole avere la parola, la ottiene, vuole a suo modo ricordare i morti, con il suo fare da simil bulletto di quartiere accusa la Boldrini di essere un’inetta, il perché non si saprà mai, per due secondi ricorda i morti e poi parte con il suo masturbatorio monologo dove accusa le cooperative bianche e rosse, accusa il suo vicino di casa di tenere la musica troppo alta, accusa il mondo di qualcosa ma non si sa bene di cosa, in pratica il Di Battista parla a vanvera per minuti su argomenti che non c’entrano nulla, ci mancava che parlasse anche che l’ultimo disco dei Coldplay non era bello e avrebbe fatto tombola!
Passano i mesi, il circo è sempre più agguerrito, i cittadini offendano a destra e a manca chi non la pensa come loro, una giornalista dell’unità si becca per giorni una gogna mediatica solo perché aveva scritto un articolo contro il circo,  un'altra giornalista si becca da mesi insulti su insulti solo perché fa il suo lavoro e lo fa bene, nel frattempo muore il cumpabellabro del comico che non fa ridere, ed è subito delirio!
Molti giornalisti hanno dato la notizia per ciò che valeva, ovvero una persona è morta ma i vari ultras del circo non ci stanno, partono le minacce violente, un vignettista (che sinceramente parlando mi piace come disegna ma non mi piace lui e le sue vignette!) viene ricoperto di sterco per una vignetta del tutto innocente, giornalisti che non si strappano le vesti per la morte di un leder vengono ricoperti d’insulti, è il delirio e intanto in centro a Milano viene bloccato per i funerali manco fosse morto un presidente della repubblica, morto il cumpabellabro per democrazia ci dovrebbe esserci una votazione democratica per eleggere il suo erede e invece…. No, il cumpabellabro passa da padre al figlio, quindi il comico che non fa ridere ha sempre il suo cumpabellabro, tutti contenti e affanculo la democrazia!
Dopo il funerale arrivano le votazioni per i vari sindaci di varie città, qui parte il delirio puro, persone che vengono scelte vengono scartate, perché non sono conformi (ovvero la candidata di Milano non è bellissima e quindi viene scartata per dare spazio a un ciuccia nespole che non ha ne arte ne parte e viene trombato subito!) ma due città eleggono come sindaco le persone che il circo a scelto, a Torino e a Roma!
Qui nascono i primi problemi, Torino regge all’impatto di avere un sindaco donna del circo e a oggi non si sono sentite cazzate dette dal neo sindaco ma è a Roma che spunta il bubbone, tralasciando i progetti di governo copiati, tralasciando che il neo sindaco ha fatto propaganda portando il primo giorno della sua investitura da sindaco il figlio per farli vedere non si sa cosa, tralasciando tutto ma vogliamo parlare che il neo sindaco ha dato in mano il pattume a colei che per anni ha guadagnato soldi sul pattume rendendo Roma peggio di Napoli per quanto riguarda i rifiuti?
Parliamone, la cittadina senza macchia e senza nessunissimo scheletro nell’armadio, è una signora che si è fatta i soldi sfruttando la raccolta dei rifiuti, ebbene sì è un business, stando a lei i rifiuti a Roma non ci sono, non ci sono mai stati e mai ci saranno, peccato che i rifiuti a Roma sono un problema grave e serio ma a lei e alla neo sindaco non importa un cazzo, le due Malagrotta sono mete turistiche, è irrilevante che i bambini contano i sorci nelle vie, pochezze, l’importante per la neo sindaco sono le olimpiadi, questi sono problemi non che Roma sta sprofondando in un mare di letame e dove la sporcizia sta diventando una meta turistica, no, il problema fondamentale sono le olimpiadi, farle a Roma o non farle? Questo è il dilemma!
Ora voglio toccare un punto che mi sta a cuore e lo tenuto per ultimo apposta!
Lo fatto per far capire l’idiozia e l’imbecillaggine dei deputati del circo, che molti imbecilli credono che il circo sia di sinistra ma di sinistra hanno solo un polmone (sempre che non sia stato infettato dalle lobby farmaceutiche con i vaccini allora in quel caso non hanno neanche quello!)!
Si deve approvare una legge giusta e legittimata, una legge che in una nazione dovrebbe già essere in corso da anni ma non lo è, una legge civile che da a tutti i cittadini italiani pari diritti, sto parlando della legge Cirinnà, una legge che finalmente dopo decenni arriva a una votazione, i vari destrosi (che vanno a trans e pippano coca manco fossero degli aspirapolveri!) mettono modifiche su modifiche (tipo duemila!), cazzo per la prima volta il circo crede nella costituzione e vuole argomentare tutti e le duemila modifiche, accusa il PD di non essere costituzionali (detta da loro è un po’ come la vacca che da del cornuto all’asino!), per la prima volta in Italia si vuole rendere cittadini di serie B di serie A e il circo cosa fa? Stoppa il tutto!
Manda tutto a puttane e loro, i cittadini come si fanno chiamare, si scusano dicendo che costituzionalmente parlando il canguro (ovvero il saltare certe modifiche stupide e inutili per una votazione più veloce!) è anticostituzionale e qui il Di Battista ha affermato che il circo è costituzionale, tanto costituzionale e segue le leggi del parlamento, poi che sia irrilevante che loro come partito o movimento sono incostituzionali perché non hanno le basi costituzionale per esistere ma per il Di Battista (che ogni volta che mi capita d’ascoltarlo mi viene un orticaria che la metà basta visto che è un povero idiota che s’atteggia a persona colta ma rimane un povero idiota senza arte ne parte!) è tutto costituzionale, il parlare su duemila cazzate per lui è costituzionale, bene, è irrilevante che molte persone stavano aspettando un voto deciso e unico su una legge democratica e giusta, no, per il circo questo non è democratico, per loro è meglio affossare le unioni civili per leggere le cazzate che i destrosi dicono, è quello l’importante!
La cosa che mi lascia basito è che il circo fa di tutto per farsi odiare da tutti, spara cazzate complottistiche, dice una cosa al mattino e la smentisce la sera, racconta palle su palle, crede a tutto ciò che appare su internet, crede che gioventù vuol dire saperne, è fortemente convinto di essere dalla parte del giusto, del cittadino (che li vota perché chi li muove delle critiche è un pieddino complottista, merda figlio di puttana, troia, puttana di merda, buona/o solo a fare bocchini a Renzi, pagata/o dalle lobby, una merda, uno che non capisce nulla, una persona che non capisce che la rivoluzione del circo è alle porte, un comunista, uno che non ha cervello, una persona che vale meno del meno, uno assaggiato alla massoneria ebraica che controlla il mondo, un coglione, un idiota [forse non sanno cosa vuol dire idiota ma lo volevo inserire!],  una persona brutta che nessuno chiava, una bagascia da dieci euro, un cretino, uno che non capisce un cazzo e quindi un pieddino, stranamente non danno mai del fascista a una persona nelle loro quotidiane offese, sarà un caso?
Non credo, visto che il comico che non fa ridere si è scagliato più e più volte contro gli ebrei che a sentire lui governano il mondo, cazzo, sono d’etnia ebraica e non sapevo di governare il mondo, ma a sentire il comico che non fa ridere io sono un nemico che non vuole l’evoluzione della terra, un’evoluzione basata sulle stronzate lette su internet, il circo vuole questo, un mondo o una nazione che dir si voglia basato su idee che si appoggiano sul nulla, sul niente, l’internet che non è nulla, è il vuoto è l’immondezzaio della civiltà moderna ma il circo si crede, se è scritto su internet è vero!
La cosa che mi dispiace di più è che molte persone votano questi cialtroni buoni solo ad offendere e a spargere odio su coloro che non la pensano come loro…. Occhio che settant’anni sono pochi anni, molto pochi, direi pochissimi…. Fate due conti, e poi se votate il circo dovrete pagarne le conseguenze e non dite la stronzissima frase “Io non sapevo”….


Nessun commento:

Posta un commento

-132-

E si è quasi in inverno, la centotrentaduesima puntata della Cimice, buona lettura! Di Maio (o che per lui!) sfida Renzi in un faccia a ...