domenica 12 luglio 2015

-Big S. una simil biografia-

-La tristezza quasi patetica di Big S.-

Devo dire la verità… un po’ mi manca, si, è vero, le sue battute buttate li a caso, il suo “Bu bu” alla Merkel, il suo “è un bravo ragazzo abbronzato”, si, mi mancano!
Era uno degli uomini più potenti in Italia prima e poi ha esageratamente ampliato il suo potere, è diventato primo ministro, alcuni lo chiamavano un nuove Duce, altri lo alzavano a salvatore della patria, ma il vecchietto Big S. è altro!
Nessuno lo ha capito, ok, partiamo dall’inizio, la fondazione di Forza Italia (che in teoria doveva essere la nuova DC con un pizzico di PSI!), il partito che ha vinto le elezioni, prendeva i voti della defunta DC e del defunto PSI, parliamo del novantaquattro, ventuno  anni fa, Big S. stravince alle elezioni e da qui il delirio di un ventennio di Berlusconismo all’ennesima potenza!
Un ventennio di battute dette a cazzo alle persone sbagliate, un ventennio di incarichi dati alle persone sbagliate, ma bisogna riconoscerlo Big S. è stato l’unico a portare a termine una legislatura dal quarantacinque in poi, l’unica cosa decente che ha fatto!
Ma torniamo indietro nel tempo, come è riuscito un povero cristo a diventare l’uomo più importante d’Italia? D’origini umili il piccolo Big S. non ci stava, si è laureato in giurisprudenza (si è un avvocato!) ma la laurea non gli piaceva e quindi ha deciso ovviamente (parliamo del fine anni settanta e inizio ottanta!) di fare l’imprenditore, in quegli anni i soldi si facevano con l’edilizia ed ecco che Big S. ci si butta appieno, crea case, crea quartieri a Milano, crea qualsiasi cosa che il cemento può creare, ma poi scoppia il boom delle televisioni private, ed ecco che il nostro non quasi calvo Big S. si butta sulle televisioni e anche in questo campo (dopo che il buon vecchio amico Craxi gli da un aiutino con la legge Craxi/Berlusconi!) trova la strada spianata, ha tre reti e fa vedere alla gente ciò che lui vuole far vedere, figa, calcio e ancora figa, il suo Olimpo può essersi completato e invece no, ecco che arriva tangentopoli!
La strage di tangentopoli non lo tocca molto ma tocca molto i suoi amici, le sue prime grane le ha avute con la P2 ma dopo un po’, Big S. non si sco90raggia, ma anzi fa sì che il suo potere aumenti, elogia Di Pietro attraverso il suo impero mediatico, riesce a mandare a fare in culo Montanelli e a far crescere Feltri, riesce in pochissime mosse a rendersi più importante di quanto effettivamente è!
Ed arriva la creazione di Forza Italia, un partito nuovo che raccoglie gli ex PSI e gli ex DC, strizzando gli aocchi ai vari ex neo fascisti, in pratica Forza Italia racchiude un tout court di personaggi che poi verranno indagati, insomma crea dal nulla un partito che verrà messo sotto la lente d’osservazione più estrema!
La domanda che mi sorge spontanea è la seguente, perché una persona che aveva tutto, soldi, figa e ricchezza; si è buttato nella politica?
La risposta è semplicissima, Big S. non era un santarellino e ha pagato tangenti a piene mani, ma per coprirsi il culo ha deciso la strada più insolita e impervia, la strada politica!
Ed ecco con un impero estremo (televisioni e editoria!) che Big S. diventa primo ministro senza essere un politico, una rivoluzione? No, affatto, il delirio vero parte prima, quando Big S. da poteri ai vari figli, Finivest la cede al figlio e da quando è lui il capo è in perdita, sarà un caso? Diciamo di no! Ma il peggio del peggio lo ha fatto a dare in mano la Mondadori (acquistata anni prima!) a sua figlia… una povera incapace che non riuscirebbe neanche a cambiare la carta igienica quando finisce e infatti da prima casa editrice ora è la casa editrice di riviste merdose che leggono solo i vecchi (ovvero il bacino di votanti per Big S.!), ok ma come è riuscito Big S., il comico, il barlezzetiere ad essere uno degli uomini più potenti d’Italia?
La risposta è alquanto semplice, Big S. è un ottimo venditore, quelli che riuscirebbero a vendere i ghiaccioli agli eskimesi, c’è riuscito per vent’anni, ma ora nel duemilaquindici le cose cambiano!
Sia Finivest e sia Mondadori sono in perdita (forse perché si da poteri a dei poveri idioti buoni solo a spendere e a fare la bella vita?), la fiumana di processi a carico di Big S. no0n si calcolano più, l’ultimo è che ha corrotto dei vari senatori per far cadere il governo Prodi, ma è questa la cosa peggiore? Direi di no, ed è qui che si arriva al titolo di questo mio scritto, il problema di base è un altro (non è il mettere imbecilli al potere di Finivest e Mondadori!), il problema che ha inguaiato il presunto “duce” italiota è semplice da dire… la FIGA! Dopo aver mandato a puttane praticamente tutte le leggi Italiane Big S. mi cade sulla figa, e non la figa normale, no, a lui piace particolare, piace la figa giovane e più giovane ed è meglio!

Non sono uno storico o quant’altro, ma sinceramente parlando per cosa sarà ricordato Big S.? per le riforme che non ha fatto? Per le varie fighette che ha messo come ministro? Per gente non propriamente pulita che ha reso famoso? No! Big S. verrà ricordato per una sola cosa, una cosa terribile, una cosa che molti che ne soffrono preferiscono impiccarsi piuttosto che andare in carcere, ma Big S. no, per lui chiavare con un gruppo di troie minorenni era normale, come era normale farsi inculare soldi su soldi per non parlare, dieci milioni di euro per non testimoniare, sono un bel bottino, ma ha Big S. non interessa. Parla di politica e di come far cadere il PD (che per me è un invito a nozze a bestemmiare!), parla cdi tante cose, troppe, ma a lui non interessano queste cose, a Big S. interessa peccare di hybris, dire che è meglio degli dei, il poter chiavare con minorenni, il poter dire con calma che è un complotto comunista… si, ok,  Big S., fatti dare un consiglio, visto che ormai non vali un cazzo su l piano politico e lo sai bene, fatti dare un consiglio, vai in
Russia dal tuo amico bellabro Putin e stai lì. Hai troie minorenni a tutte le ore, alcol e quant’altro… chi cazzo te lo fa fare di rompere i coglioni a noi italiani? 

Nessun commento:

Posta un commento

-132-

E si è quasi in inverno, la centotrentaduesima puntata della Cimice, buona lettura! Di Maio (o che per lui!) sfida Renzi in un faccia a ...