giovedì 8 gennaio 2015

-Quinto capitolo-

-E si ascoltano le prime ceffe di violenza- Il primo spintone arriva d'improvviso pensavi di averla scampata questa volta vero? Ma lo sapevi benissimo che la tua razione giornaliera arrivava ed è arrivata capitomboli a terra di faccia e senti un male tremendo alla mascella e senti ridere e qualche offesa lanciata a casa verso di te tu non ridi non ridi mai ti rialzi faticosamente e un ceffone ti arriva in piena faccia talmente veloce che non t'accorgi chi te lo ha tirato come se t'importasse chi, invece vedi bene chi ti tira il pugno nello stomaco che ti fa mancare il respiro per qualche decimo di secondo per tua fortuna non vomiti e ne avevi paura anche perché è già capitato molte volte, t'accasci per terra dolorante e senti le solite battute mescolate a sghignazzi vari che s'allontano, questo è solo l'inizio pensi, hai ancora le ore di scuola, la mensa e i due intervalli così è oggi così era ieri e così sarà domani, ti rialzi a fatica e t'avvicini alla tua classe cercando di non far notare a nessuno cosa ti è successo anche se sai bene che tutti lo sanno.  

Nessun commento:

Posta un commento

-130-

E siamo a centotrenta Cimici, wow, ok, basta farsi pugnette a due mani e buona lettura! ·          Di Maio vuole i vari osservatori del...