giovedì 15 gennaio 2015

-Sesto capitolo-

-E si ascolta war food- Le prime ore passano come al solito viene bersagliato costantemente da pallette di carta imbevuta di saliva sotto al tuo banco è un cimitero di carta e i vari professori giustamente e ovviamente t'accusano di non aver un minimo di decoro per le cose della scuola e ovviamente tutti (nessuno escluso!) segnano sul registro la tua pochezza per le regole basilari del vivere bene a scuola e non puoi dire nulla devi stare zitto e ingoiare il tutto senza fiatare e già ti sale l'ansia per la pausa pranzo in mensa sai che verrai bersagliato da tutta la scuola con cibo e quant'altro e anche se hai fame cerchi sempre di non esserci in mensa ma oggi hai dimenticato di prepararti il tuo panino e quindi ti tocca subire nuovamente il tutto e subisci dal suono della campanella fino alla fine del pranzo ti arriva di tutto dalle salse all'insalata dal pane mezzo mangiato alle bevande munite di bicchieri di plastica e finita questa guerra a senso unico un buon tempone ha la brillante idea di preparare un'enorme gavettone di piscio e di lanciartelo addosso e questa giornata scolastica non è ancora finita! 

Nessun commento:

Posta un commento

-130-

E siamo a centotrenta Cimici, wow, ok, basta farsi pugnette a due mani e buona lettura! ·          Di Maio vuole i vari osservatori del...