giovedì 10 aprile 2014

-Bushido a primavera-

                                               -Bushido a primavera-


Il maestro stava comodamente adagiato in posizione di riposo davanti a me, la sua calma riempiva tutto la stanza, rifletteva sull’essere e dolci petali di ciliegio calavano dagli alberi come una pioggia.
“Maestro?”
“Sei forse pronto al dolore? Alla  lontananza? A nessun legame affettivo che non sia quello verso il tuo signore? Sei tu pronto a tutto questo?  Ad abbandonare il tuo vecchio io per abbracciare il tuo nuovo e più luminosamente oscuro io? Sei forse pronto ad intraprendere la via della spada?”
“Si maestro!”

Un veloce lampo e il maestro senza quasi muoversi sguaino la spada e mi tagliò la testa! 

Nessun commento:

Posta un commento

-129-

E siamo alla centoventinovesima puntata, che dire? Se non buona lettura! ·          La legge elettorale passa con la prima votazione… i...