mercoledì 4 gennaio 2012


-Il suicidio del sistema Vol. 2 97 “Lo smacco”-


In pochi si sono chiesti come mai i quotidiani di centro destra dopo l'elezione di Monti hanno cominciato a scrivere che era un povero pirla, non adatto e tutto il resto, ho pensato molto a questo fatto (ok, io aborro i governi tecnici ma essendo liberale prima di giudicare o criticare un governo devo vedere per lo meno cosa è capace di fare!) e sono giunto ad una conclusione che forse per la sua semplicità nessuno c'ha pensato a formularla, i giornali di centro destra e (diciamocela!) tutto il PDL sperava in una sola cosa, quando Big S. è salito al colle per incontrare Napolitano e rassegnare le sue dimissioni da primo ministro, il centro destra sperava che Napolitano con il suo sorriso sornione rimandasse a lavorare Big S., magari con una pacca sulla spalla, ciò non è accaduto ed ecco la rabbia del centro destra, ma come? Avranno pensato, è grazie a Big S. che Napolitano è sembrato amato da tutti, e lui cosa fa? Rimanda a casa Big S., è intollerabile, se notate bene il sabato (mi sembra!) che Monti ha preso il potere sui giornali di centro destra è incominciata (lo stesso giorno ovvero scritto la notte precedente!) la guerra dell'inchiostro, da una parte il Corriere che osannava il professore boconiano (per poi fare un passo indietro dopo un mese!) e dall'altra parte Libro che fin da subito ha incoronato Monti come il re dei cretini buono solo a rifare un governo in salsa Prodiana, ciò non è avvenuto sono passati quasi due mesi dall'insediamento di Monti come primo ministro tecnico del nostro governo e bisogna ammetterlo che un po' di cazzate le ha fatte ma se ne può parlare solo ora e non due mesi fa!
Monti ha sbagliato ad aumentare tutto ciò che si poteva aumentare, secondo me la prima cosa che doveva fare era tagliare i vari vitalizzi della “casta”, dimezzare gli stipendi dei politici (la Spagna e l'America insegnano!), magari far pagare l'I.C.I. E le tasse al Vaticano visto e considerato che occupano nel bene e nel male suoli pubblici dello stato, sinceramente parlando tassare gli elicotteri e le navi più lunghe di dieci metri è una solenne cazzata perché chi possiedono questi beni di super lusso sono una ristretta minoranza d'italiani e sicuramente troveranno una gabola per non pagare l'obolo dello stato, per gli elicotteri basta immatricolarli in Svizzera o in Francia, per le navi basta farli battere bandiera francese, spagnola o di un'altra nazione a caso e tac l'obolo non si paga, aumentare le accise sulla benzina farà in modo che gli italiani si faranno un bel viaggetto in Svizzera a fare il pieno aumentando così la crisi, le sigarette uguale, per quanto riguardo l'I.C.I. È giusto che gli italiani paghino (in effetti è una tassa che esiste in tutto il mondo!) ma invece di tassarla per la metratura della casa dovrebbero vedere la situazione economica della famiglia, se una persona sposata con due figli ha una casa da cento metri quadrati e l'unico stipendio che arriva in casa è quello del marito non è giusto farli pagare come un riccone che dichiara mille euro all'anno e ha l'attico a Montenapoleone, ed è qui che doveva intervenire questo governo e non sui poveri cristi che pagano e se anche hanno una casa di loro proprietà non vuol dire che siano ricchi magari hanno dovuto fare milioni di sacrifici (con mutui centenari!) per comprarsi una casa di proprietà ed è arrivato a questo punto che mi sono domandato cosa avrebbe fatto Big S.; sicuramente avrebbe rassicurato tutti che le cose andavano bene, che l'Italia ha un'economia forte e vigorosa e quando l'Europa gli avrebbe chiesto di dimostrarlo avrebbe scritto due righe sulla carta del formaggio per dire che avrebbe fatto qualcosa, quindi la domanda mi sorge spontanea, chi ha ragione?
Monti che mette le mani nei nostri portafogli o Big S. che gigionamente avrebbe rassicurato tutti mentendo?  

2 commenti:

-129-

E siamo alla centoventinovesima puntata, che dire? Se non buona lettura! ·          La legge elettorale passa con la prima votazione… i...