giovedì 5 luglio 2012


-Il suicidio del sistema Vol. 3 21 “Alcune cose inspiegabili Parte 2”-


  • Mafia e Co.: In Italia a parte le stragi senza un movente apparente e il terrorismo ci sono state negli anni altre cose non molto chiare, una di queste è il fantomatico patto Stato Mafia (se ne sta parlando ancora a oggi dopo anni!), in cosa consiste questo patto poco chiaro?
Semplicemente la mafia siciliana voleva comandare in Sicilia senza avere lo stato tra i piedi, una specie di stato nello stato, per ottenere questo la mafia a pensato bene di fare attentati dinamitardi, i più famosi sono state le stragi che hanno ucciso i giudici Falcone e Borsellino due giudici che stavano arrivando (o almeno così si dice!) a sgominare la mafia e a trovare svariati collegamenti tra mafia e stato (Andreotti per questo fu messo sotto processo e ne uscì “pulito” grazie alla prescrizione!), per la mafia questo non poteva accadere e quindi hanno fatto saltare in aria i due giudici, le faccende inspiegabili però sono altre ovvero gli attentati ai beni culturali del nord Italia, attentati come a Firenze e a Milano, addirittura la mafia volevo far saltare in aria lo stadio Olimpico di Roma e per fortuna non ci sono riusciti, un altro attentato che volevano fare era quello contro Costanzo che aveva avuto l’ardire di denunciare la mafia in un suo programma, poi a un certo punto gli attentati sono finiti, è stato arrestato Riina e la mafia è stata dimenticata per anni fino a quando lo stato è riuscito ad arrestare Provenzano (latitante da decenni!), una domanda però sorge spontanea, come mai gli attentati si sono fermati?
Lo stato ha calato le braghe?
In Sicilia ha vinto il “governo” e lo stato della mafia?
Sono convinto che almeno per la prima domanda sia avvenuto proprio così, lo stato italiano non è riuscito a chiudere la pratica mafia dentro i canali ufficiali e quindi ha dovuto dare un contentino quale sia questo contentino lo ignoro (se lo saprei ora molto probabilmente non starei qui a scrivere!) però qualcosa c’è stato, basti pensare che della mafia non se ne parla più, gli attentati e i fatti salienti e di sangue sono finiti ma questo non vuol dire che la mafia sia stata sconfitta anzi, sono fortemente convinto che la mafia abbia lasciato da parte il lato “folcloristico” (lupara e capello!) per rivestirsi di nuovo, si è rifatta il guardaroba ed ora non mi stupirei che i mafiosi siano in borsa e in mezzo agli appalti pubblici in fin dei conti la mafia segue i soldi e ora come ora i soldi si trovano solamente o quasi in una certa parte d’Italia, sto esagerando?
Non credo, anzi forse non sto esagerando per niente, basti pensare che una volta i palazzi non crollavano ora si, basti pensare che una volta i “ricchi” erano in pochi e soprattutto avevano quasi tutti l’accento marcato del nord ora non è più così, come finirà non lo so, spero soltanto che i vari mafiosi che hanno preso “casa” al nord non abbiano intenzione di scatenare qualche guerra di clan anche se ne dubito, in fin dei conti è dall’alba dei tempi che chi ha il potere ne vuole sempre di più e sempre dall’alba dei tempi che il potere si ottiene eliminando gli avversari!

  • Le nuove brigate rosse: Negli anni le brigate rosse sono state debellate un paio di volte ma come l’influenza stagionale ecco che riappaiono dopo un tot d’anni, le nuove brigate rosse sono uscite allo scoperto con due omicidi “politici”, ovvero gli omicidi di D’Antona e di Biagi, la loro principale colpa fu quella di voler rinnovare il mondo del lavoro (ovvero abolire l’articolo diciotto che è un’anomalia lavorativa tutta italiana!) e quindi sono stati uccisi a sangue freddo, la cosa che puzza in questi due omicidi è che sono stati compiuti in un periodo d’intercettazioni selvagge e quant’altro però nonostante i sofisticati mezzi a disposizione sono riusciti a uccidere due persone, alla fine sono stati arrestati per caso su un treno e subito la famosa pantomima tanto cara ai terroristi “Mi dichiaro prigioniero politico” cosa vuol dire nessuno lo sa (nemmeno loro!) ma è tanto bello urlarlo in tribunale che non poteva mancare anche ai giorni nostri, la cosa che mi suona altamente strano però è un’altra, come mai le brigate rosse ciclicamente rispuntano e i NAR no? Voglio credere che i NAR siano stati effettivamente debellati e che purtroppo le brigate rosse no (c’è ancora gentaglia che parla di resistenza tradita a settant’anni di distanza!) e anzi si rinnovano sempre e ci sono sempre dei giovani che amano andare in latitanza per un sogno rivoluzionario… che guarda caso questa fantomatica rivoluzione non c’è stata e dubito che ci sarà in un futuro!
  • La statuetta del Duomo: Più che misteriosa come cosa mi sembra un immenso spot elettorale, un “pazzo” a Milano ha la pensata di scagliare una statuetta del duomo in faccia a Big S., fin qui può suonare come una cosa isolata ma a me puzza, e puzza parecchio, ma com’è possibile che l’uomo più protetto d’Italia (il primo ministro in primis e magnate in secondis!) è stata lasciato senza difese giusto il tempo per farsi spaccare la faccia?
Non suona strano?
Non voglio essere paranoico ma non è che il “pazzo” era a libro paga del PDL? E che guarda caso (come capita in America… un esempio? Semplice, Obama stava scendendo nelle preferenze e tac l’esercito americano scova e uccide Osama bin Laden, un caso anche questo? Non scherziamo!) il “pazzo” ha colpito proprio a Milano (città dove nascono praticamente tutte le correnti politica italiane, infatti è nato a Milano il PCI, il PSI, la Lega, forza Italia e quant’altro!) che è il polso pulsante della politica italiana , e proprio quando le preferenze per Big S. stavano scemando drasticamente, un caso anche questo? Non credo poi basta pensare che dopo pochi giorni il faccione sorridente di Big S. è riapparso in televisione quindi o la statuetta era di gomma oppure non è stato un attentato serio!
  • Fondi spariti e altre cosucce da nulla: Questo è un vero e proprio mistero tutto italiano, andiamo per ordine, il tutto è cominciato con la casa a Montecarlo di Fini che era stata donata da una ricca signora al partito e che Fini ha comprato pagandola un quarto del suo valore, poi è toccato a Vendola con lo scandalo della sanità in Puglia dove molti manager (strapagati tra le altre cose!)erano lì perché amici o altro del presidente della regione, poi è arrivato il teatrino degli affitti pagati non si sa da chi che ha preso in pieno il PDL (e non parlo dei cazzi giudiziari di Big S. se no qui faccio notte!) dove l’allora ministro dell’economia non sapeva di avere una casa in centro a Roma e soprattutto non sapeva chi pagava l’affitto, dopo gli affitti sono uscite le tangenti del Pd ricevute da manager per vincere appalti in Lombardia e subito le alte schiere del fu PCI hanno silurato Pennati (l’allora presidente della provincia milanese!), poteva bastare? Assolutamente no e quindi ecco che anche la Lega viene presa in mezzo con sperperi di danaro pubblico per i propri fini (lauree, automobili, case e quant’altro!), finito con la lega si parla di una mancanza di milioni dalle casse dell’Italia dei valori il partito blindato di Di Pietro, praticamente una Caporetto della politica italiana , la cosa che puzza però è a chi va a favore che i partiti politici “canonici” spariscano? A Grillo? Non credo che Grillo abbia così tanto potere da poter distruggere attraverso i giudici i partiti ma allora chi? Il presidente della repubblica? Perché dovrebbe farlo? I tecnici che ora ci governano? Se fosse così sono peggio della P2 visto e considerato che il tutto è uscito quasi due anni prima del loro insediamento e quindi lo escluderei (non me lo vedo Mario “Loden” Monti ha tramare nell’ombra!) , ma allora chi? I complottisti di destra indicano i giudici (che a sentir il PDL sono uno stato nello stato con un potere immenso, e soprattutto sono tutti comunisti, poi è irrilevante che Big S. sia stato prosciolto per un fatto di tangenti!), la sinistra indica il dito sulla destra (potrebbe anche essere vero ma il bubbone ha colpito tutti indistintamente!), chi stia “tramando” nell’ombra non lo so proprio, però credo che a breve uscirà allo scoperto e magari ci governerà anche…

Per concludere questa seconda parte dei “misteri” italiani devo fare una precisazione, so che non ho parlato di molti fatti (i vari golpe e la P2 giusto per dire due “misteri”) anche se ne avrei da scrivere su ciò che non ho inserito, ma volevo parlare di cose che bene o male tutti o quasi conoscono, ovviamente in un futuro (magari!) parlerò anche di ciò che non ho inserito…


2 commenti:

-129-

E siamo alla centoventinovesima puntata, che dire? Se non buona lettura! ·          La legge elettorale passa con la prima votazione… i...