martedì 14 ottobre 2014

-Il gregge-

-Il gregge-


Un bel po' di tempo usavo nei miei “Suicidi del sistema” il termine massa/popolo che stava ad indicare la moltitudine tutta uguale che girovagava a mò di zombies in giro per le città, un bel po' di tempo fa avevo una minima speranza ottimistica, questa speranza ora come ora non c'è più, la massa/popolo ormai si è trasformata in un gregge (e mi scusino le v arie pecore che non ho nulla contro di loro, anzi, ma il termine che sta ad indicare un conglomerato di ovini s'addice assai bene a ciò che si sta vivendo in questi ultimi anni!)pulsante d'imbecillità incalcolabile, come i dottori con lauree a centodieci e lode in economia e commercio che non sanno il significato di “Settimane retribuite”, le cose sono due o non sanno cosa significa settimane o non sanno il significato del termine retribuito, ma loro sono dottoroni che fanno muovere i soldoni che contano poi se uno guarda bene in profondità hanno la conoscenza di un lombrico schiacciato sotto le ruote di un TIR; gentaglia ignorante come poche che per darsi un tono usano parole che non sanno cosa vogliono dire e alternano parole sgrammaticate e sporcate con dialetti incomprensibili con paroloni alti e altisonanti e lo fanno solamente per sembrare più intelligenti che poi a veder bene e a parlarci un secondo si capisce subito la loro pochezza sia culturalmente sia come persone.
Il gregge cresce cresce a ogni secondo, ed è sempre più immensamente grosso, padri di famiglia (se di famiglia si può parlare!) che sperperano stipendi su stipendi con la chimera di fare il botto e svoltare con la propria vita giocando ai gratti e vinci e poi si ritrovano con le pezze al culo e a non avere un euro per pagare le bollette, vecchietti che non hanno niente di meglio da fare che uscire di casa alle sette e ingolfando il già ingolfato traffico nelle ore di punte con la scusa che devono andare a fare esami su esami.... alle sette di mattina le USL (o come si chiamano ora!) sono chiuse, quindi deduco che lo facciano solo per rompere le palle ai lavoratori che la pensione non la vedranno mai, i ragazzini e le ragazzine che il cervello lo tengono nei pantaloni molli sul culo dove la loro massima aspirazione è diventare calciatori o fare la mignotta ma da non chiamare mignotte ma soubrette o concorrenti di un reality show, che poi si cambia il nome ma il risultato non cambia.
Personaggi che credono ancora che un pezzo di carta valga più di ciò che è una persona, “Ha la laurea.... è intelligente”, se fosse così io sarei un povero idiota che cerca di spelare un acino d'uva con un machete, poi per esperienza diretta ho conosciti più imbecilli laureati che non laureati, ma il pezzo di carta ti da importanza e quindi si sentono in diritto a tirarsela, ma (e parlo della facoltà dove ho l'ufficio!) se in media si laureano in architettura un centinaio di ragazzi a semestre in un anno fanno un duecento architetti e di tutti questi architetti l'Italia cosa se ne fa? Ve lo dico io... nulla, assolutamente nulla.
Le mode sportive, il gregge adora le mode sportive, ho visto deliranti imbecilli che prima sapevano tutto di vela, poi è arrivato il rugby e tutti sapevano tutto su questo sport, poi il basket e tutti erano cestisti alla pari di Jordan ed ora la pallavolo e tutti sono Mila e Shiro... poi è irrilevante che il giorno dopo sempre per darsi un tono scelgano un'altro sport che nessuno si caga in Italia ma non si può non seguire il gregge bisogna bullarsela con commenti sagaci degni di un telecronista sportivo, vogliamo parlare dei perbenisti?
Forse sono le persone che odio di più perché sono false come una moneta da cinque euro, bisogna essere buoni a tutti i costi, bisogna amare tutto e tutti anche se poi sotto sotto, odiano zingari, extracomunitari, omosessuali, tifosi della squadra avversaria, tutti e tutto ciò che esce dal loro praticello, ma non bisogna dirlo, bisogna essere politicamente corretti, bisogna mentire sempre e comunque se no il gregge s'infuria e si viene emarginati ai confini della società bella e buona, sono proprio loro i primi a puntare i loro grassottelli ditini su un reato, non si fa, non si fa urlano e poi berciano a morte a morte, il political correct è anche questo, davanti si è pro gay e dietro la parola più gentile è froci di merda, davanti bisogna tenere una maschera sorridente e buona sempre e comunque.
Le sette non religiose, che fanno i loro greggi con le loro leggi e i loro dogmi, i vegani sono i primi, che non riescono a concepire una persona che la pensi come loro, se vogliono mangiare radici amare e bere acqua piovana che lo facciano pure ma che non vadano a rompere i coglioni a chi non la pensa come loro cari nazivegani è brutto dirlo ma di voi non importa niente nessuno, la maggioranza delle persone vi vede come dei poveri esaltati buoni solo a rompere i coglioni e basta, nessuno vi prende seriamente e se poi rompete le palle alle persone sbagliate e vi prendete le mazzate peggio per voi, altre sette sono i ragazzini con la minchia ancora incelofanata che urlano ai quattro venti di essere comunisti e fascisti, idioti miei il comunismo è caduto prima della vostra nascita e a parte essere anacronistico asserire di esserlo e del tutto fuori luogo visto che come minimo siete dei cazzo di figli di papà che hanno già il futuro spianato, per quanto riguarda i cerebrolesi che alzano il braccio e urlano Duce, Duce... il vostro tanto amato Duce è morto da un bel po' e neanche i vostri genitori sanno cos'è il fascismo, forse i vostri nonni se hanno più di settant'anni quindi minchioncini belli smettetela che fate ridere ai polli e a volte neanche a loro, i gay pride, non ho mai capito come un baraccone festante e colorato possa aiutare i diritti dei vari omosessuali, non ho nulla contro il gay pryde, anzi, ma non capisco cosa vogliono ottenere, i diritti per i gay? Benissimo e allora i vari politici vedendo questo carrozzone decidono di dari pari diritti a tutti? Ne siete convinti? Io no, per niente ma se volete continuare fate pure ma facendo così coprite di ridicolo la vostra sacrosanta battaglia per i diritti e basti pensare che da quando c'è il gay pryde non c'è stato un notevole miglioramento per i diritti, anzi mi sembra che ci siano stati tiepidi e quasi insulsi passettini.
Il gregge provinciale e un'altro gregge che mi urta non solo la mente ma tutto il corpo, è il tipico gregge che fuori dal suo immancabile praticello è tutto una merda, quelli che fuori dalla loro città (che è ovviamente la migliore al mondo, dove si vive benissimo e tutti stanno bene!) non esiste nulla, si lamentano costantemente, una pentola miasmica di fagioli e allora io mi chiedo, ma imbecilli che non siete altro, se non vi va bene perché ve ne andate dalla vostra meravigliosa città? Nessuno vi ha chiesto di emigrare, non ci sono stati bandi di concorso per farvi venire, state da Dio nella vostra città, benissimo, stateci e non rompete i coglioni ma se emigrate abbiate la finezza di starvene zitti e buoni perché poi se continuate a fare come fate le varie leggende metropolitane sul vostro conto prendono conferme scientifiche e non è bello visto e considerato che poi si finisce con il fantomatico serpente che si mangia la coda ma queste mie parole sono inutile, sono sordi, ciechi e muti su questo argomento e allora citrullini belli posso dirvi solo una cosa... CAZZI VOSTRI!

I greggi sono tantissimi in Italia alcuni si fondono insieme per fare un gregge ancora più grosso e il danno aumenta, il danno culturale (Pompei sta sprofondando ma chi se ne frega gioca la mia squadra domenica e poi Pompei è un rudere, vogliamo mettere con un bel palazzone di cemento?) è sempre più enorme e sarà sempre peggio perché l'imbecillità è ereditaria, da due imbecilli è difficile che nasca un genio, può succedere ma questo genio verrà soffocato dall'imbecillità, il danno sociale ormai è talmente enorme che al suo confronto un buco nero sembra una macchiolina su un maglione, il rispetto e tutto ciò che comporta ormai non esiste più il vecchissimo detto meglio essere che apparire ormai è morto e sepolto, l'importante è vedere un gran bel gregge numeroso dove non ci si accorge chi sia chi, non esiste più il singolo ma il gregge, il gregge nutre e protegge (e c'è ancora gente che si scandalizza quando un branco di coglioni sevizia un ragazzino, cosa c'è da scandalizzarsi? Li avete allevati voi così e vi stupite? Io no, per niente!) e fuori dal gregge il singolo è un perfetto e lucido nessuno, il danno maggiore che il gregge ha fatto è l'annullamento dell'intelligenza del singolo per l'imbecillità del gruppo è meglio nascondere una passione che non sia il calcio o lo shopping ed è facendo così che i ragazzini poi diventano dei autonomi imbecilli e faranno figli che saranno peggio di loro, poi non stupitevi se tutto andrà in merda, avete voluto il gregge? Bene cazzi vostri a me personalmente non m'interessa e non mi scandalizzo più, sono semplicemente disgustato e la mia fievole speranza in un miglioramento ormai è un ricordo quasi dimenticato!  

Nessun commento:

Posta un commento

-132-

E si è quasi in inverno, la centotrentaduesima puntata della Cimice, buona lettura! Di Maio (o che per lui!) sfida Renzi in un faccia a ...